Follow Us

Acquirente Unico quando sarà realmente al servizio del consumatore?

Venerdì scorso al Senato è stato indubbiamente l’Acquirente Unico (AU) Day. Tra i numerosi emendamenti presentati alla X commissione del Senato sul DDL Concorrenza, quelli più degni di nota nei settori energia riguardano sicuramente il ruolo di questa azienda del gruppo GSE, nata nel 1999 e da allora sempre protagonista nei mercati energetici.

Il senatore Manassero del PD ha emendato il testo prevedendo che i prezzi di riferimento dell'energia elettrica del regime di tutela “siano periodicamente determinati dall'Acquirente Unico” garantendo alla stessa società la copertura dei costi di approvvigionamento e un’adeguata remunerazione del capitale investito. Lo stesso senatore democratico ha proposto che AU, “al fine di favorire la capacità di scelta dei clienti”, proponga agli stessi, “attraverso i venditori, ulteriori opzioni contrattuali, tra cui la fornitura a prezzo fisso annuale”. Per quanto riguarda il mercato gas il senatore ha presentato un emendamento volto a prevedere che i prezzi per i clienti in tutela sia determinati da AU che dovrebbe occuparsi anche dell’approvvigionamento degli stessi. Infine, sempre il senatore Manassero ha proposto un decreto per lo scorporo “a favore del GSE delle attività inerenti il Servizio informativo integrato, lo Sportello del consumatore e il Servizio di conciliazione”.

Posti gli emendamenti di cui sopra, in generale è utile fare un po’ di chiarezza (in mezzo alla tantissima confusione di questi mesi) e alcune proposte sul ruolo che AU potrà avere in futuro. Proviamo a ragionare per piccoli passi per poi arrivare ad una serie di conclusioni.

Ad oggi, schematizzando grossolanamente, AU svolge tre macro attività.

La prima, la principale nonché quella storicamente assegnatagli fin dal 2007, è approvvigionare di energia elettrica quei clienti domestici e piccole imprese che non sono ancora passati al libero mercato e che quindi vengono riforniti nell’ambito del regime di tutela. L’approvvigionamento avviene tramite operazioni di acquisto in borsa elettrica, contratti bilaterali o tramite la stipula di contratti con fornitori esteri. Una volta acquistata l’energia elettrica, essa viene rivenduta agli esercenti la maggior tutela secondo le disposizioni dell’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico, ad un prezzo definito dalla stessa Autorità.

La seconda macro attività che svolge AU è la gestione dello Sportello per il Consumatore di Energia che fornisce un servizio informativo nei confronti dei clienti, nonché supporto alla gestione dei reclami e controversie verso gli operatori dei mercati energetici. La terza grande attività, la più recente, è la gestione del Sistema Informativo Integrato (SII), un database centralizzato che provvede all’aggiornamento delle anagrafiche di tutti i consumatori di energia, interagendo poi con gli operatori di settore qualora una determinata prestazione commerciale modifichi le anagrafiche.

A queste tre si aggiungono poi altre funzioni di minore importanza quali la responsabilità per l’indizione delle gare per l’affidamento del servizio di salvaguardia elettrico e ultima istanza/default gas, nonché la responsabilità dell’OCSIT (Organismo Centrale di Stoccaggio Italiano) che ha il compito di monitorare le scorte dei prodotti petroliferi nel paese.

Di queste tre macro attività, una, l’approvvigionamento per il mercato tutelato, sarà quantomeno ridimensionata. Il DDL concorrenza approvato alla Camera e ora in discussione al Senato prevede dal 1 gennaio 2018 la completa liberalizzazione dei prezzi con la conseguente abolizione dei prezzi tutelati.

La completa liberalizzazione dei mercati avrà quindi un impatto a cascata sulle tre attività principali di AU in quanto:

  • l’approvvigionamento del mercato tutelato dovrebbe cessare in quanto superato dalla liberalizzazione dei prezzi;

  • lo Sportello del Consumatore andrà rafforzato come contrappeso alla liberalizzazione garantendo ai consumatori un servizio veloce ed efficiente in caso di richiesta di informazioni o controversie con gli operatori;

  • vi sarà un’evoluzione del SII in quanto la liberalizzazione dei mercati eleva il consumatore al ruolo di protagonista nonché lo rende consapevole dei propri consumi. Tale consapevolezza passa inevitabilmente dall’avere tutte le informazioni necessarie quanto più possibile in tempo reale, sia direttamente che indirettamente tramite il proprio fornitore.

Riassumendo quindi, salvo la prima attività che dovrebbe di fatto gradualmente scomparire se effettivamente sarà vera e sana liberalizzazione, il DDL Concorrenza implicitamente rafforza il ruolo dell’AU che dovrà potenziare le rimanenti attività, necessarie nel nuovo contesto che si verrà a creare. Lascia un po’ perplessi vedere invece che gli emendamenti presentati al Senato vanno nella direzione opposta, ovvero prefigurando un ruolo ad AU nella definizione dei prezzi di tutela (ancora?!!) nonché in quella delle offerte, e scorporando invece le altre attività a favore del GSE (che controlla AU). Se tali emendamenti di maggioranza fossero accolti avremo di fatto creato un ibrido, ovvero un soggetto pubblico che dovrebbe “favorire la capacità di scelta dei clienti” (come se i clienti non fossero capaci di scegliere) venendosi di fatto a sovrapporre con gli operatori di mercato nella scelta delle offerte.

Non ultimo, e forse il più importante, dalla lettura degli emendamenti parrebbe desumersi un nuovo ruolo di AU nel mercato gas affidandogli il ruolo di operatore nei mercati all’ingrosso al fine di approvvigionare i clienti in tutela (omettendo che nel settore gas, a differenza dell’elettrico, c’è una tutela di prezzo in quando le condizioni economiche sono stabilite dall’Autorità, ma di fatto non c’è un mercato tutelato approvvigionato come nell’energia elettrica).

Andando oltre gli emendamenti del giorno che spesso poi finiscono nel nulla, preme qui dire con forza che AU non deve sparire, ma deve semplicemente mutare radicalmente pelle specializzandosi in quelle attività che risultano fondamentali per lo sviluppo di mercati liberalizzati. C’è infatti bisogno di uno Sportello del Consumatore digitalizzato e che garantisca tempi celeri nelle risposte ai consumatori ma anche nell’interfaccia nei confronti degli operatori. In tal senso andrebbe rivisto dal punto di vista tecnologico l’attuale sistema di gestione dei reclami ottimizzando l’attuale portale.

Il SII deve poi compiere un salto di qualità e diventare uno strumento efficace di gestione delle anagrafiche dei clienti fornendo un servizio istantaneo e di elevata qualità digitale. Un graduale abbandono del mercato tutelato permetterebbe poi ad AU di ragionare con più calma assieme agli operatori di un ulteriore ruolo che il SII potrebbe avere in futuro, ovvero interfaccia unica tra gli operatori dei mercati (per ora società di vendita e distributori ma in futuro non si può escludere l’apertura ad altri soggetti come società di servizi energetici). Ad oggi infatti il dibattito è meramente politico senza un’analisi costi benefici approfondita sia lato AU che lato operatori su cosa significhi per il sistema energia avere un’unica interfaccia tra le imprese. Ad oggi infatti gli scambi informativi giornalieri al fine di garantire le prestazioni ai consumatori (cambio fornitore, voltura, operazioni commerciali al contatore ecc.) avvengono tra circa 300 società di vendita e 400 imprese di distribuzione. Purtroppo il dibattito non evolverà fino a quando AU non sarà gradualmente sgravato dall’attività che più di ogni altra risulta non necessaria, ovvero l’approvvigionamento del mercato tutelato in Italia.

In conclusione quindi, si dovrebbe cominciare a ragionare su un AU realmente al servizio del consumatore e che permetta allo stesso di muoversi con efficacia nei mercati liberalizzati dell’energia. La scelta delle offerte e dei prezzi dovrebbe per quanto possibile essere lasciata all’unico soggetto in grado di garantire imparzialità e neutralità, il mercato.

#elettrico #gas #acquirenteunico #ddlconcorrenza #sii

Follow Us
  • LinkedIn Social Icon
  • Twitter Social Icon
Recent Posts
Search By Tags
Non ci sono ancora tag.
Recommended Links